Obiettivi

viandante

1.  Desideriamo coinvolgere le persone, e in particolare le nuove generazioni, nella costruzione di un’Europa più unita, più libera e più forte per poter continuare a vivere in pace e nel benessere.

2.  Avvicinare le nuove generazioni al grande “sogno europeo” promuovendo iniziative volte a far conoscere l’Unione europea e le sue potenzialità – senza rinunciare a mettere in luce le sue contraddizioni e i suoi aspetti negativi.

3. Sottolineare l’importanza della comune identità europea. Riteniamo sia fondamentale partire dalla riscoperta e dalla valorizzazione di una comune identità e dal significato profondo dell’essere Europei.

4.   Valorizzare un modello sociale, economico e politico proprio del continente europeo, in grado d’ispirare un’azione politica fondata sulla centralità della persona umana, sull’economia sociale di mercato, sulla valorizzazione dei corpi intermedi della società e sulla volontà di affermazione della giustizia imperniata sul concetto di responsabilità personale e comunitaria.

5.  Contribuire alla costruzione di un’Unione europea dove a prevalere sia la politica rispetto all’economia. L’unità dell’Europa non deve essere intesa come il risultato di un processo federalista di matrice giacobina/illuminista.

6.   Promuovere la visione di un’Unione europea maggiormente rispettosa del principio di sussidiarietà e delle tradizioni storiche, culturali e spirituali dei suoi popoli.

7.  Favorire la diffusione di uno “spazio pubblico europeo”, con una attenzione particolare al mondo dell’informazione, della cultura e dell’istruzione, con l’obiettivo di formulare proposte e analizzare i problemi comuni da un punto di vista europeo e non esclusivamente nazionale.

8.    Contribuire al consolidamento di partiti politici europei sovranazionali in grado di proporre un programma comune. Questi partiti dovranno diventare i principali rappresentanti della volontà politica dei cittadini europei contrastando l’eccesso di burocrazia e tecnicismo che attualmente contraddistingue l’Unione europea.

9.    Stringere rapporti di collaborazione con “l’Europa fuori dall’Europa” – il prodotto del grande fenomeno di scoperta, colonizzazione e migrazione, che ha contraddistinto la storia del nostro continente negli ultimi 500 anni – con particolare attenzione al Mediterraneo, alla Russia e all’America Latina.

10.   Rafforzare il ruolo dell’Italia all’interno dell’Unione europea all’insegna del lavoro di squadra, della visione strategica e della qualità della proposta politica in seno alle istituzioni comunitarie.

© Tutti i diritti riservati

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...